25 Aprile 2014 – “Freedom” di Simona Rei

Locandina Freedom DEF-page-001

 

Festa della Liberazione al Teatro Fabrizio De Andrè di Casalgrande (RE) che, con la mostra personale di Simona Rei, organizzata da Donella Arte degli Eventi, aprirà per la prima volta il foyer alla ricerca pittorica contemporanea.
Realizzata con il patrocinio del Comune di Casalgrande e la collaborazione del Circolo degli Artisti di Reggio Emilia, l’esposizione sarà inaugurata venerdì 25 aprile, alle ore 21.00, con una serata dedicata al tema della Libertà, trasversale a diverse forme d’espressione, come pittura, danza e recitazione.
Sul palco del Teatro Fabrizio de Andrè (Piazza Ruffilli, 1) si alterneranno il critico d’arte Giuseppe Berti,Liliana Cosi e i danzatori della Compagnia di Balletto Classico, protagonisti di una performance su musiche di Ciaikovskij e di Liszt, e Maria Antonietta Centoducati, che interpreterà un monologo di Franca Rame. L’evento sarà presentato da Donella Serafini.
Il pubblico presente potrà vedere in sala e nel foyer alcune opere di Simona Rei, tratte dalla serie “Freedom” (2012-2014). La mostra proseguirà nell’adiacente Sala Espositiva Galleria Incontro con una ventina di lavori caratterizzati dall’uso congiunto di tecniche tradizionali (olio su tela) e nuovi materiali (plexiglas).
Come spiega, infatti, Giuseppe Berti, «Simona sente l’urgenza di oltrepassare il chiuso perimetro della tela per dilatare il proprio racconto su un altro supporto, una sottile lastra trasparente di plexiglas applicata sopra la superficie del quadro. E su questo altro medium […], ecco affiorare i fantasmi dell’inconscio, la traccia recente di ferite e paure; grandi occhi dilatati, frammenti di corpi, maschere beffarde, simulacri totemici… simboli, appunto, di un Io diviso, di un Soggetto, direbbe la psicanalisi, spossessato della sua realtà di Soggetto. Che aspira, però, a liberarsi da quei vincoli che limitano l’autenticità e la forza dell’Essere; e che gli impediscono di guardare in alto, oltre i confini del nostro piccolo cielo».
L’esposizione sarà visitabile nelle giornate del 26-27 aprile e 1 maggio 2014 con orario 16.00-19.00. Ingresso libero. Per informazioni: www.donellaeventi.com. Per contattare l’artista: tel. 335 8096093, www.simonarei.it, simonarei@libero.it.
Simona Rei:
Nasce nel 1970 a Porretta Terme (BO), vive e lavora a Montecchio Emilia (RE). Da sempre interessata alla figurazione, segue diversi seminari, tra i quali il corso di disegno tenuto da Mario Pavesi. Prende parte a varie mostre personali e collettive. Tra le recenti esposizioni, “Personale” (Palazzo Caffari, Reggio Emilia, 2009), “Stop all’abuso sulle donne” (Museo delle Mura, Roma, 2009), “Giù la Maschera” (Galleria Comunale L’Ottagono, Bibbiano, 2010), “Impulsi Pittorici” (Palazzo di Cortina, Carpineti, 2013) e “Flussi esistenziali” (Castello Medievale, Montecchio Emilia, 2013).
Ha partecipato ad un concorso pittorico nazionale organizzato da Donella Arte degli Eventi “Maya-desnuda” vincendolo.
Liliana Cosi e la Compagnia Balletto Classico:
Negli anni settanta l’incontro dei due artisti, Liliana Cosi e Marinel Stefanescu, entrambi étoile a livello internazionale,  fa maturare il desiderio di unire le loro complementari esperienze professionali e i loro ideali artistici per dar vita ad un nuovo progetto a favore della cultura della danza in Italia.L’idea di un’arte portatrice di valori universali, che nutrivano singolarmente, si concretizza così in un’attività più creativa e  manageriale: nel settembre 1977 nasce a Reggio Emilia l’Associazione Balletto Classico, soci fondatori Liliana Cosi, Marinel Stefanescu e Louise Ann Smith Stefanescu. Il nome così ‘anonimo’ di Associazione Balletto Classico è stato scelto dai due artisti non certo per privilegiare un’epoca, o per un ristretto riferimento ad un genere ballettistico, ma per sottolineare il simbolo al quale essa ci richiama: la tensione verso la perfezione, verso l’armonia,  qualsiasi opera o lavoro si affronti. Non fu semplice per il notaio stendere lo Statuto, fissare in poche righe il fiume di idee che sgorgava dalla loro anima. Nasce così la loro linea programmatica: “Ci proponiamo di coltivare e di diffondere, specie tra i giovani, il balletto, quale espressione di arte e di cultura, strumento di elevazione e liberazione, oltre ogni confine sociale e nazionale, momento dell’armonia e della bellezza che l’anima di ogni uomo ricerca”. E’ tutto in regola per partire con la prima tournée ufficiale della Compagnia Balletto Classico che li porta, ad un ritmo incalzante in città grandi e piccole di tutta Italia, dal nord al sud alle isole, nei teatri come nelle piazze per diffondere ovunque la “cultura del bello”, come amavano dire. Da allora la Compagnia non si è mai fermata, in una diversa alternanza di attività, repertori, tournée, “prime mondiali”.
 
MARIA ANTONIETTA CENTODUCATI 
-attrice, regista, formatrice teatrale-
foto1Inizia il lavoro di attrice molto giovane e si diploma presso la prestigiosa Accademia dei Filodrammatici di Milano. Si è laureata col massimo dei voti in Lettere con indirizzo in Storia del Teatro e dello Spettacolo con il Prof. Luigi Allegri presso l’Università di Parma. La sua formazione è ricca di esperienze con diversi maestri del teatro internazionale come Marcel Marceau, Michel Azama, Josè Sanchis Sinisterra, il Living Theatre, Laura Curino, Danio Manfredini, Nicolaij Karpov, Daniele Salvo,Leo Muscato e tanti altri. Nel 2006 ha seguito il Corso di Alta Formazione in Teorie e Linguaggio dello Spettacolo istituito dall’Università degli Studi di Parma in collaborazione con l’Accademia Verdi Toscanini. Lavora attivamente come attrice e collabora con varie compagnie di prosa professioniste, e con l’Associazione di Improvvisazione Teatrale “Imprò” e nel 2012 partecipa come attrice ai Campionati Mondiali di Improvvisazione Teatrale nella squadra dell’Italia.Accanto al lavoro di attrice M. Antonietta Centoducatidal1990 è formatrice e conduttrice di Corsi di Teatro nelle scuole superiori e conduce con il regista Gianni Binelli diversi Laboratori di Dizione e Recitazione di vario livello con gli adulti, Laboratori di Teatro Terapia presso il Centro Salute Mentale di Carpi, col Ceis di Reggio Emilia, Presso la Casa Circondariale “La Pulce” di Reggio Emilia. Tra gli spettacoli/eventi più importanti degli ultimi anni, ricordiamo: “FEDRA” di Marina Cvetaeva, per la regia di Antonella Panini; nell’estate del 2006 è la protagonista femminile dello spettacolo-evento tra le rovine del Castello di Canossa (Reggio Emilia) ENRICO IV di Pirandello, con la Compagnia Teatrale MachbethTeatre, poi seguono altri spettacoli classici, tra cui “LE RELAZIONI PERICOLOSE” di Laclos e i “DIALOGHI DELLE CARMELITANE” di Bernanos, regia di Ludovico Parenti “LA VOCE UMANA” di Cocteau, regia di Christine Dubois “ANTIGONE” di Jean Anohuil regia di Gianni Binelli, “IFIGENIA” di Marguerite Yourcenar regia di Gianni Binelli e tanti altri. Nel 2010 ha partecipato, come attrice alla produzione RAI di RIGOLETTO di Verdi, interamente girato a Mantova e con la regia di MARCO BELLOCCHIO. Sempre nel 2010 per il Comune di Reggio Emilia Assessorato Pari Opportunità ha partecipato in qualità di autrice, regista e attrice al progetto Laboratorio Donne Attrici che è sfociato nello spettacolo “SPETTINATE”. Nell’estate 2012 e’ la protagonista del Docu-Film su MADRE ANNA MARIA ADORNI girato a Parma a cura di Operart, ad Aprile 2013 interpreta un’altra figura femminile molto intensa, la moglie di Giuseppe Verdi, Giuseppina Strepponi nel Concerto /Evento “QUANDO PENSO A VERDI” presso la Reggia di Colorno (Parma) per la regia di Eddy Lovaglio.Predilige un repertorio teatrale classico e storico (ha interpretato, tra gli altri, celebri figure del teatro greco come Ifigenia, Clitemnestra, Antigone, Elettra…) e le figure femminili di forte impatto emotivo, donne forti e piene di passioni in grado di trasmettere valori ed emozioni cariche di intensità, ma spazia anche nel repertorio comico (ha all’attivo uno spettacolo “COMICHE, BUFFE,DIVERTENTI, DONNE” scritto e diretto dalla stessa M.Antonietta Centoducati e dall’attore Gianni Binelli), è molto impegnata anche nel repertorio di teatro civile e sociale e scrive lei stessa i testi degli spettacoli che interpreta tra cui, tra i recenti, “Il sorriso di Elettra. Donne in lotta con la Mafia”,Due eroi italiani” su Falcone e Borsellino, “Sabrina e le altre” sul precariato al femminile, “Il Vento sul cuore” sullo sterminio del popolo ebraico, “Mai devi dire” sulla violenza contro le donne, “Domani ti ammazzo di botte” sul bullismo dei ragazzi e delle ragazze, “Anita, amata mia” sulla vita di Anita Garibaldi, “Con la violenza, la pietà” su tematiche legate alla Resistenza e tanti altri. Ha appena ultimato la scrittura dei seguenti testi: “VOCI DALLA POLVERE” , uno spettacolo/denuncia sull’Ilva di Taranto che ha debuttato l’8 gennaio 2014 presso il Teatro Tagliavini di Novellara, e il testo “PORTAMI UN FIORE ROSSO” sulla vita del partigiano Felice Montanari (Nero) che ha debuttato il 5 Gennaio 2014 presso il teatro del Fiume di Boretto . E’ in lavorazione con lo spettacolo “LE DONNE, GLI AMORI” sulle figure femminili nell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto e sta scrivendo un testo sulla figura di CHE GUEVARA ispirato alle memorie della moglie ALEIDA MARCH.Da anni studia e interpreta il personaggio di MATILDE DI CANOSSA, raffinando la sua interpretazione della Grancontessa in modo profondo e coinvolgente. Il suo incontro con “Matilde” avviene nel 1997: interpreta Beatrice di Lorena nello spettacolo/evento “CANOSSA” di Giuliano Grasselli, regia di Ivo Guerra. Negli anni successivi ha modo di interpretare di nuovo Matilde nel Recital “LA GRANCONTESSA” dal libro di Edgarda Ferri, nelle corti e nelle Pievi di Reggio e Parma, tra cui Montecchio Emilia, Castellarano, Canossa (al castello). Negli ultimi tre anni interpreta Matilde nella Chiesa di Quattro Castella il 26 Dicembre 2010 “UN NATALE DI 900 ANNI FA”, il 26 Dicembre 2011 “MATILDE DI CANOSSA: POTERE E SOLITUDINE” e il 26 Dicembre 2012 “ UN NATALE DI 900 ANNI FA” con la cantante lirica Elena Rossi . Inoltre nel Maggio 2012 partecipa al 47°Corteo Storico Matildicodi Quattro Castella interpretando Matilde in un momento teatrale all’interno del Corteo. Nel Luglio 2013 è di nuovo Matilde nello spettacolo “MATILDE: DONNA E REGINA” Concerto/Spettacolo con il coro “Ensemble Amorosa Vox” diretto da Annalisa Vandelli presso la Rocca di Castellarano (Reggio Emilia). Grazie all’amore maturato negli anni per la figura di Matilde ha recentemente scritto un testo teatrale “MATILDE”, un viaggio nella biografia della contessa Matilde di Canossa con uno sguardo particolare a Matilde “donna” con la regia di Antonio Fava, che ha debuttato il 22 Giugno 2013 ai Chiostri di San Domenico a Reggio Emilia nell’ambito del Festival “Donne, Uomini &..Potere” organizzato dal Comune di Reggio Emila e replicato nello splendido scenario del Parco della Bonifica di San Siro a San Benedetto Po, attualmente in tournèe.Ultimamente: il 1° Settembre 2013 ha interpretato MATILDE DI CANOSSA al XXIII° Corteo Storico Matildico di Canossa (Re).
Attualmente fa parte del kast dello spettacolo IL FALSO OSPITE di Lazzaro Spallanzani, regia di Andrea Dalla Zanna, che ha debuttato in prima nazionale l’8 ottobre 2013 presso il teatro Boiardo di Scandiano. 

0 Responses to “25 Aprile 2014 – “Freedom” di Simona Rei”


  • No Comments

Leave a Reply

You must login to post a comment.